lettura ad alta voce

Come usare Stephen King per avvicinare alla lettura

in Letteratura di
king stand by me
Sabina Minuto ci racconta come ha coinvolto la sua classe di meccanici dell’Ipsia di Savona partendo dal racconto “Stand by me (il corpo)” di Stephen King .
Continua a Leggere

Leggere a scuola /1: insegnanti in prima linea

in Educazione/Redazione Aperta di
Spunti, riflessioni ed esperienze di lettura in classe: dallo sconforto all’entusiasmo e alla sperimentazione. Loredana Pippione, insegnante, racconta come ha sfatato, nella sua scuola, l’opinione, fin troppo diffusa, che … “i ragazzi non leggono”. Quattro le fasi, come quattro pilastri: e se le fondamenta son solide, si sa, la costruzione regge. Il primo pilastro: l’insegnante si mette in gioco.

Continua a Leggere

Leggere a scuola / 2: ad alta voce, un atto d’amore

in Articoli dei lettori/Opinioni/Redazione Aperta di
Scegliere il testo più adatto, preparare la lettura, pensare a uno spazio speciale : leggere ad alta voce e farlo, poi, per la propria classe, è  un momento di condivisione straordinario. La prima vera promozione alla lettura la fanno gli insegnanti, ha spiegato Loredana Pippione. Il passaggio successivo? Trovare il luogo adatto e il coraggio di usare anche la voce.

Continua a Leggere

Leggere a scuola / 3: regole e fiducia, anche per i libri

in Articoli dei lettori/Opinioni/Redazione Aperta di
Secondo Loredana Pippione, insegnante, i primi a doversi mettere in gioco sono gli insegnanti, anche con la lettura ad alta voce.  Poi va data libertà di scegliere, tra regole e fiducia. La terza fase per creare una comunità di lettori è proprio questa: trovare l’equilibrio (e un’aula giusta).

Continua a Leggere

Leggere ad alta voce, uno straordinario strumento didattico

in Articoli di
leggere alta voce parco
Leggere ad alta voce non è solo una maniera per conquistare non lettori. È un modo per condividere l’emozione speciale di un libro e per avvicinare i bambini ai libri per migliorare la loro competenza emotiva ed entrare in relazione con loro. Per farne, da grandi, dei lettori.

Continua a Leggere

Torna su