Argomenti

Esperienze digitali

Dalla robotica al 3D, dalle app ai siti, per una scuola davvero a tutto tondo

Arca di Noé Animalibrium: l’app che aiuta il coordinamento motorio

in Esperienze digitali di
Animalibrium
L’app Animalibrium stimola la concentrazione e aiuta il coordinamento motorio. Perfetta nelle scuole dell’infanzia (e anche in vacanza)

Arca di Noè Animalibrium” di Giulia Olivares è un’app a medio-alta interattività, senza testo, senza punteggio, con musica, versi di animali, effetti sonori, illustrazioni originali ed è intuitiva, con icona per scattare e raccogliere le foto.

La schermata presenta una barca. Piccola. E otto strampalati animali. Il gioco consiste nell’affrontare un percorso facendo in modo che nessuno resti indietro. Dopo aver caricato un elefante, un coccodrillo, una zebra e un ippopotamo, ci sarà ancora posto sulla barca per una giraffa? E per gli altri? A poco a poco gli animali vengono posizionati a bordo ma bisogna muoversi con delicatezza salvaguardando l’equilibrio precario, ogni scossone destabilizza la ciurma, ogni onda mette in pericolo i colorati protagonisti. Noi siamo lì per loro con dito pronto, mano decisa e soprattutto mente lucida per non perdere il controllo della situazione e portare tutti in salvo. La torre di animali, sempre più alta e instabile, sembra destinata al naufragio ma a un passo dal disastro la conclusione arriva come una sorpresa e una conquista.

IN CLASSE perché: Stimola la concentrazione. Subito prima dell’intervallo, per qualche minuto tutti insieme, poi si va a giocare È uno scenario già pronto per l’invenzione di piccole narrazioni. Buono il pretesto della barca per solleticare domande e risposte e inventare storie. Gli animali devono scappare? Cosa è successo? Magari vanno a una festa, ce la faranno? Sono contenti di andarci? …oppure stanno fuggendo da qualcosa? È un gioco che aiuta il coordinamento motorio. Ottima per misurare e legare i movimenti di mano occhio e testa

QUANTO COSTA: l’avventura completa con gli animali africani è gratuita. La seconda avventura, con strepitosi dinosauri fra sterlizie e piante acquatiche, si scarica alla fine della prima avventura a 2,29 euro

CREATA per iOS: basta collegare, tramite apposito cavo, l’iPad o l’iPhone alla LIM
SI SCARICA QUI: https://itunes.apple.com/app/id1434057776

GUARDA ANCHE:
Florence: il romanzo visivo per portare in classe i sentimenti (e discuterne)
Chiaro e sintetico il corpo umano spiegato con l’app

Florence: il romanzo visivo per portare in classe i sentimenti (e discuterne)

in Esperienze digitali di
L’app Florence è un romanzo visivo da portare in classe perché è perfetto per confrontarsi su sentimenti, aspettative, emozioni, scelte.

Florence di Annapurna Interactive e Mountains (link è un romanzo visivo costellato da micro-attività che evocano i sentimenti provati dai protagonisti, è una storia d’amore e di vita. Forse più che d’amore proprio di vita e di voglia di tornare a vivere! Una giovane donna vive una monotona quotidianità, personale e  lavorativa, c’è noia (volutamente ripresa nei noiosi giochi proposti, fase importante!). Vive fra un lavoro da contabile che non le dà alcuna soddisfazione e i pochissimi amici. Ha un’esistenza triste e priva di stimoli con il ricordo di un’infanzia piacevole con le amiche e il ricordo cupo di una madre dura. Un giorno incontra Kirsh, un ragazzo che suona il violoncello per strada, ed è colpo di fulmine corrisposto; i due si avvicinano, si piacciono, si cercano e poi vanno a vivere insieme dividendo lo spazio della casa di lei, condividendo chiacchiere, letture, e piatti provenienti dalla tradizione gastronomica di entrambi (lui è orientale). Le cose vanno bene finché non si posa leggero su di loro il velo della routine…

IN CLASSE perché
Lei, Florence, è un personaggio meraviglioso al quale ci si affeziona subito e del quale si segue la vita raccontata in modo interattivo con potente fremito di partecipazione. Le attività richieste al lettore, e le grandi e piccole animazioni di questa app, rendono la storia perfetta per la discussione e la condivisione degli stati d’animo, delle aspettative che si possono avere da giovani fino ai patimenti tipici dell’adolescenza. Florence e le sue vicissitudini hanno l’intensità, la grazia e il tratto del graphic novel con un’interattività perfetta per tutti i ragazzi senza distinzione di genere. La colonna sonora batte perfettamente il tempo dei singoli capitoli. I ragazzi, affamati di storie che parlano di loro e delle loro vite, troveranno con l’insegnante il modo di intervenire in ogni tavola per procedere nella narrazione, è indubbiamente un traino narrativo importante e bello.

Qualche esempio: siamo noi a spegnere la sveglia, ad aiutare Florence a lavarsi i denti, a fare di conto in ufficio, a costruire la conversazione con il nuovo amore, a spostare oggetti per fare spazio alle spezie di Krish in cucina, e ad intervenire rapidamente sui pezzi del puzzle (metafora della loro relazione che si sta disgregando) per evitare che i due protagonisti si allontanino. In ogni tavola è richiesta un’attività diversa e originale, comprensibile e strettamente collegata al significato della storia. E’ trasversale, si può analizzare e utilizzare in classe sia per discipline artistiche sia umanistiche.

Ecco perché penso sia fondamentale in classe: per la forza poetica e letteraria, per il linguaggio delle immagini e dei balloon, per la musica e per il ritmo con cui viene raccontata.

TIPOLOGIA
App ad altissima interattività (non frenetica, ragionata e emozionante) con scorrimento orizzontale e verticale e imprevedibile, con vignette, senza punteggio, effetti sonori, illustrazioni originali, intuitiva; da scoprire senza fretta.

ETÀ
Scuola secondaria di primo grado e primi anni del ciclo successivo, anche YA

QUANTO COSTA
2,99 euro su App Store e Google Play

CREATA per iOS e per Android ( basta collegare, tramite apposito cavo, l’iPad o l’iPhone alla LIM

Qui video su youtube:

Chiaro e sintetico il corpo umano spiegato con l’app

in Esperienze digitali di
“Il Corpo Umano” di Tinybop: un buon testo di divulgazione scientifica di base con il plus dell’interattività (per conquistare proprio tutti)

Nell’app “Il Corpo Umano” di Tinybop sono spiegati i sistemi vitali e il funzionamento del corpo umano in modo chiaro, sintetico e adatto anche per la consultazione autonoma.

Non è un gioco, è un buon testo di divulgazione scientifica di base, il suo valore sta nell’affidabilità delle informazioni anatomiche e nell’interattività che rende animati i meccanismi (cuore, polmoni…) favorendo la comprensione.

Dall’analisi – in tre passaggi di approfondimento – dei singoli sistemi (nervoso, scheletrico, respiratorio, circolatorio, digerente, muscolare, immunitario, più il capitolo sulla cute) si evincono informazioni sulle meccaniche vitali e sulle strategie dell’organismo per mantenersi funzionante, ad esempio: coinvolgimento del diaframma nella respirazione, corretta alimentazione ed espulsione delle scorie, isolamento dei batteri…

IN CLASSE perché

Il supporto tecnologico e il linguaggio interattivo destano immediatamente curiosità e attenzione.

È un buon alleato nell’insegnamento delle materie scientifiche da integrare, se necessario, in relazione al ciclo di studi.

È di stimolo per domande e approfondimenti fra gruppo classe e docente, che, dopo una consultazione condivisa in aula, potrà assegnare ad ogni gruppo un lavoro di approfondimento.

È un’app creata per un rapido ed efficace apprendimento, al quale potranno seguire le altre impostate secondo la medesima architettura e principio interattivo di scoperta (sulle scienze naturali, le piante, la Terra, i Mammiferi).

Il docente potrà anche assegnare ciascuno di questi argomenti ai ragazzi e richiedere poi di condividere l’esposizione con la classe.

ETÀ
Le indicazioni degli store tendono ad abbassare l’età di riferimento. Questa può essere efficacemente utilizzata nella seconda fascia della primaria e come valido appoggio nella scuola secondaria di primo grado.

TIPOLOGIA
App didattica del ricco catalogo La biblioteca dell’Esploratore, schematica, ad alta interattività, in apertura tavole stilizzate degli apparati del corpo umano e tenda verticale laterale per la navigazione; con progressivi e intuitivi touch, si aprono i livelli relativi al funzionamento di alcuni specifici organi.
Etichette riposizionabili a comparsa con i nomi, effetti sonori verosimili (respiro, masticazione…), icona per impostare la lingua, cambiare il colore di sfondo delle tavole, telecamera esterna per spiegare la vista. Grafica curata e precisa. Cursore con funzione a tendina per svelare le parti interne (da utilizzare per trascinamento).

DOVE SI SCARICA e QUANTO COSTA
4,49 euro su AppStore (per ipad, iPhone…) qui il link:

Per dispositivi Android, invece, lo store suggerisce di scaricare gratuitamente l’app La Tessera dell’Esploratore per poi procedere con gli acquisti in-app, di quelle desiderate del catalogo ( i pacchetti sono convenienti).

CREATA per iOS, ANDROID

Kinetoscopi portatili 2.0, una rivincita per Edison?

in Esperienze digitali di
Con smartphone, tablet e tecnologia all’avanguardia è come se molti di noi oggi avessero un proprio kinetoscopio portatile. Una riflessione di Carlo Ridolfi
Continua a Leggere

Byod: le potenzialità dei dispositivi digitali a scuola

in Esperienze digitali di
byod
Francesco Leonetti e il byod: grazie alle app che ne sfruttano le funzionalità possiamo trasformare gli smartphone in strumenti didattici fantastici. A poterlo e saperlo fare…

Continua a Leggere

Librì a Didacta Italia: pronti per la scuola del futuro

in Esperienze digitali di
librì didacta jim gordon
Dalla piattaforma per condividere moduli didattici ai seminari di formazione: Lorenzo Domizioli, vicepresidente di Librì Progetti Educativi, racconta progetti e novità che verranno presentati a Didacta Italia.

Continua a Leggere

Per una vera esperienza digitale serve un metodo nuovo

in Esperienze digitali di
digitale
La riflessione di Francesco Leonetti, esperto di editoria digitale scolastica, autore del tool epubeditor, formatore,  che ci spiega perché, secondo lui, i supporti digitali, “sono strumenti che richiedono nuovi metodi. Se non si cambia il modo di fare scuola, è inutile cambiare strumenti”.
Continua a Leggere

Sette monumenti ricostruiti in pochi secondi (grazie alle gif animate)

in Esperienze digitali di
  • artiste-reconstruit-monuments-gifs-8.gif
  • artiste-reconstruit-monuments-gifs-4.gif
  • artiste-reconstruit-monuments-gifs-7.gif
  • artiste-reconstruit-monuments-gifs-2.gif
  • artiste-reconstruit-monuments-gifs-6-1.gif
  • artiste-reconstruit-monuments-gifs-3.gif
  • artiste-reconstruit-monuments-gifs-5.gif
Dal Partenone alla Piramide del Sole, dal Tempio di Luxor al Tempio di Giove, sette monumenti sono stati ricostruiti “digitalmente” grazie all’uso di gif animate che descrivono ogni passaggio della ricostruzione. Continua a Leggere

Didacta: schermi interattivi per la scuola, l’intervista a Christian Fanizzi

in Esperienze digitali di
interattivi
L’intervista con Christian Fanizzi, fondatore e amministratore di Wacebo Europe a Didacta. Discutiamo con lui di innovazione tecnologica e educazione grazie ai pannelli interattivi

Continua a Leggere

Didacta: robotica educativa, l’intervista a Lisa Lanzarini

in Esperienze digitali di
Prosegue la nostra serie di interviste a Didacta, stavolta parliamo con Lisa Lanzarini di robotica educativa e inclusione

Continua a Leggere

Didacta, la più grande fiera per la formazione dei docenti

in Esperienze digitali di
didacta
Da domani mercoledì 27 a venerdì 29 settembre sarà presente alla fortezza da Basso di Firenze la fiera Didacta, la prima mostra in Italia sulla scuola e l’istruzione.

Continua a Leggere

Interland, il gioco educativo per navigare sicuri su internet

in Esperienze digitali di
internet gioco bambini
Google nel suo progetto “Be internet awesome program” aiuta i bambini a riconoscere le minacce più comuni mentre si naviga su internet

Continua a Leggere

Indossare la cultura? Una storia digitale della moda

in Esperienze digitali di
cultura arte moda
Indossiamo la cultura è un nuovo progetto sviluppato da Google Arts&Culture per digitalizzare 3000 anni di storia della moda

Continua a Leggere

Conoscere altre lingue e culture grazie ai Social Network

in Esperienze digitali di
Le reti virtuali sono un ottimo strumento per entrare in contatto con comunità straniere e migliorare così l’apprendimento dell’inglese e altre lingue straniere

Continua a Leggere

Il digitale per avvicinare i bambini alla storia e all’arte

in Esperienze digitali di
Art stories realizza app per bambini dai 6 ai 10 anni per stimolare la loro curiosità e avvicinarli alla cultura e al proprio territorio, mentre si divertono Continua a Leggere

Vedere la musica, l’esperimento di Alexander Chen

in Esperienze digitali di
Trasformare Bach e la metropolitana di New York in forme geometriche e movimenti, un modo per guardare la musica sotto un’altra prospettiva Continua a Leggere

Scopri Petra in una gita virtuale con Google Street View

in Esperienze digitali di
Visitare Venezia o Parigi rimanendo seduti alla computer, grazie a Google ora possiamo viaggiare anche in luoghi lontani e difficili da raggiungere come la Città Rosa, Petra

Continua a Leggere

Rubriche

Giochi senza frontiere didattiche

di Giovanni Lumini

Ora di Alternativa

di Valerio Camporesi

Fra cattedra e finestra

di Sabina Minuto

Maschile singolare

di Ivan Sciapeconi

Tracce di scuola intenzionale

di Sonia Coluccelli

Sentieri tra i banchi

di Fabio Leocata

Virgolette

di Paola Zannoner

Luoghi Interculturali

di Mariangela Giusti

La Facile Felicità

di Renato Palma

Torna su