redazione occhiovolante

redazione occhiovolante has 40 articles published.

Diritto alla facilità: un master per creare relazioni migliori

in Educazione di
facilità
L’università di Firenze propone un master in “Democrazia Affettiva e dialoghi per la pace” progettato dal Dipartimento di Scienze della Formazione e Psicologia UNIFI e l’Associazione Centro Studi per la Democrazia Affettiva. Ne parliamo con Renato Palma, medico psicoterapeuta, che ha seguito il progetto.

Scade il 14 dicembre il termine ultimo per iscriversi  al Master di I° livello “Democrazia Affettiva e dialoghi per la pace” organizzato al dipartimento di Scienze della Formazione dell’Universita di Firenze, che si propone di creare una figura professionale la cui specificità e competenza è mirata al governo e alla facilitazione della relazione intra-personale e interpersonale. La figura, maturata la certificazione in “Diritto alla facilità”, sarà in grado di operare in tutti quei contesti dove, per fini didattici (scuola, università ed enti formativi), di specificità del servizio offerto (strutture sociali e aziende di servizi, pubbliche e private, ONG), di aumento della produttività (aziende del comparto produzione) o di governo e manutenzione delle relazioni umane (uffici/dipartimenti risorse umane), sia ritenuto necessaria la creazione e l’implementazione di un modello relazionale declinato operativamente sui principi della democrazia affettiva.

Abbiamo chiesto al professor Renato Palma di rispondere ad alcune domande, per spiegarci di cosa si tratta.

Questo master si pone l’obiettivo di formare facilitatori. Cos’è il Diritto alla Facilità?
Chiamarli facilitatori è molto riduttivo. Il Master propone una riflessione personale e auto formativa sulla possibilità di creare relazioni con gli altri e con se stessi basate sulla rinuncia all’uso della forza. Migliorare la relazione con se stessi è fondamentale per mettersi nelle condizioni di migliorare le relazioni con gli altri.

Questo richiede lo sviluppo del senso della possibilità, la caratteristica principale della nostra specie, e la capacità di non considerare mai le relazioni in senso gerarchico. Ci può essere una gerarchia di competenze, non di affettività. In sostanza tutti vanno trattati sempre bene, con cortesia e con il massimo rispetto, senza se e senza ma.

gerarchia di competenze, non di affettività

Perché è importante creare figure professionali di questo tipo oggi?
La qualità della vita dipende dalla qualità delle relazioni. Sono le relazioni tra pari che ci permettono di vivere in maniera più facile. Sabato 15 dicembre terremo una relazione su questo tema al convegno nazionale dell’Aiquav.

In questo caso parleremo di certificazione di facilità aziendale, ma il criterio vale per ogni altra forma di organizzazione/relazione.

 Quali sono, in sintesi, i principi della Democrazia Affettiva?

Scopo dell’Associazione è promuovere la Democrazia Affettiva, un sistema di relazioni nel quale tutti hanno diritto di essere trattati da pari, a prescindere dall’età, dalle condizioni di salute o dalla situazione di temporanea, o definitiva, ridotta autosufficienza.

La Democrazia Affettiva:
– rifiuta l’uso della forza nelle relazioni.
– riconosce e rispetta le preferenze individuali, a partire dalla nascita. Non giustifica le scortesie nell’educazione.
– riconosce ai bambini il diritto alla facile felicità, che deriva dalla soddisfazione dei loro bisogni essenziali e dal non essere forzati nel loro percorso educativo
– rielabora l’identità di appartenenza, che spesso impone i valori del gruppo come non negoziabili e limita la possibilità di coltivare le diversità, arricchendola dell’identità affettiva, che permette anche ai bambini di rispondere alla domanda “chi sei” senza aver paura di essere rifiutati, contrastati o non accolti

– favorisce l’assunzione della responsabilità individuale nella scelta del modo di vivere le relazioni di prossimità, di educazione, di accudimento e cura.

Maggiori info: https://www.unifi.it/p11432.html#democrazia

Mani Cantanti, il coro in Lis che migliora l’apprendimento

in Arte e Musica di
lis
La Lis (lingua delle persone sorde) come strumento straordinario di inclusione e di apprendimento. Ne parla l’insegnante, Anna Del Vacchio, di Grosseto

Continua a Leggere

Cornicette: dalla savana a Minecraft, tutta questione di quadretti

in potenziamento di
cornicette
Le cornicette possono potenziare gesto grafico, spazialità, attenzione, coordinazione oculo manuale

Continua a Leggere

Kinetoscopi portatili 2.0, una rivincita per Edison?

in Scienza e Tecnologia di
Con smartphone, tablet e tecnologia all’avanguardia è come se molti di noi oggi avessero un proprio kinetoscopio portatile. Una riflessione di Carlo Ridolfi
Continua a Leggere

Cerchi cromatici, strumenti preziosi per imparare a vedere

in Arte e Musica di
Un articolo di Emanuela Pulvirenti, insegnante di storia dell’arte e autrice di Didatticarte.it, ci introduce al coloratissimo mondo dei cerchi cromatici, da Newton alle esercitazioni da fare in classe

Continua a Leggere

Tra regine e incantesimi suona la musica del metodo FOUR

in Arte e Musica di
polato metodo four
Regine, regni e cervelli, cosa hanno in comune con la musica? Abbiamo incontrato Laura Polato, autrice e ideatrice dell’innovativo metodo musicale FOUR Continua a Leggere

Byod: le potenzialità dei dispositivi digitali a scuola

in Scienza e Tecnologia di
byod
Francesco Leonetti e il byod: grazie alle app che ne sfruttano le funzionalità possiamo trasformare gli smartphone in strumenti didattici fantastici. A poterlo e saperlo fare…

Continua a Leggere

Librì a Didacta Italia: pronti per la scuola del futuro

in Scienza e Tecnologia di
librì didacta jim gordon
Dalla piattaforma per condividere moduli didattici ai seminari di formazione: Lorenzo Domizioli, vicepresidente di Librì Progetti Educativi, racconta progetti e novità che verranno presentati a Didacta Italia.

Continua a Leggere

L’ABC di Daniela Lucangeli: G di Gioco

in Educazione di
Le “pillole” di Daniela Lucangeli, docente di Psicologia dello sviluppo a Padova ed esperta di psicologia dell’apprendimento. Continua a Leggere

I ragazzi odiano la scuola? A mettersi in gioco devono essere gli adulti

in Educazione di
masoni ragazzi che odiano la scuola
Marco Vinicio Masoni, psicoterapeuta e formatore , ha condiviso con Occhiovolante alcune considerazioni a tre anni dall’uscita del saggio “Ragazzi che odiano la scuola. Come negoziare con i più difficili”. Continua a Leggere

Guglielmo Marconi, “papà” (dimenticato) del wireless

in Scienza e Tecnologia di
guglielmo marconi
Simone Terreni, autore del volume “Dai segnali di fumo ai social” ci parla di Guglielmo Marconi, lo scienziato italiano che ha cambiato il mondo. Continua a Leggere
Torna su