librì didacta jim gordon

Librì a Didacta Italia: pronti per la scuola del futuro

in Scienza e Tecnologia di
Dalla piattaforma per condividere moduli didattici ai seminari di formazione: Lorenzo Domizioli, vicepresidente di Librì Progetti Educativi, racconta progetti e novità che verranno presentati a Didacta Italia.

Sarà presente anche Librì Progetti Educativi a Didacta Italia, la manifestazione in programma alla Fortezza da Basso a Firenze dal 18 al 20 ottobre che si rivolge a docenti, dirigenti, educatori, professionisti del settore e imprenditori che fanno della scuola il loro punto di riferimento.

«Riteniamo che Didacta sia l’agora perfetta dove condividere la nostra visione e i nostri progetti – spiega il vicepresidente di Librì Progetti Educativi Lorenzo Domizioli –la nostra è un’azienda che si occupa di educazione e lo fa in modo innovativo. In fiera porteremo le nostre campagne educative, dove parliamo di alimentazione, salute, stili di vita, ambiente, e risorse, tutela dei minori, educazione finanziaria e tanto altro ancora, che distribuiamo gratuitamente nelle scuole».

tondo didacta librì

Squaderno.it e Occhiovolante.com: una community in rete

«Ci saranno poi – continua Domizioli – tre momenti formativi, un workshop su nuove tecnologie –Digital transformation & education – condotto da Simone Terreni, uno sulle esperienze educative in classe con i kit multimediali tenuto da Nicola Bigi di Tiwi, centrato sul comunicare con semplicità i temi complessi. Ultimo dell’elenco: presenteremo in anteprima Squaderno una piattaforma che offre agli insegnanti la possibilità di creare, condividere, consultare schede didattiche e modelli utili per la creazione delle proprie lezioni in classe».

«Ma la cosa che più ci emoziona  – conclude Domizioli –  sarà arrivare a Didacta con un numero unico, cartaceo del web magazine OCCHIOVOLANTE | tutti i giorni il meglio dell’educazione dal mondo. Distribuiremo gratuitamente 1000 copie di un numero speciale per scoprire e raccontare il mondo dell’educazione, con tanti articoli utili per l’attività in classe  dei docenti.»

Un giornale di carta per una rivista online, è una specie di paradosso. no?  «I paradossi ci piacciono! Aiutano a mostrare e spiegare la complessità della realtà – e gli insegnanti che ci leggono sanno quanto complessa sia la realtà in cui operano quotidianamente. Per quanto paradossale questa iniziativa rispecchia perfettamente la nostra convinzione: che sia necessario lavorare sempre con tanti media diversi per raggiungere i nostri obiettivi: sperimentare, dialogare, fare rete, creare comunità, mettere in contatto esperienze, strumenti e competenze diverse per … educare. E con Librì a Didacta tutto questo è possibile».

Ti è piaciuto questo articolo?

Iscriviti alle nostre storie 10 e lode

Lascia un commento

Ultime da

Torna su