Informatica senza computer, e l’insegnante si arrangia

in Zigzag in rete di
Cosa non si fa per gli studenti, e questo vale in tutto il mondo. Quando uno non ha i mezzi se li inventa, così ha fatto un insegnante di informatica ghanese

L’informatica è il futuro e va insegnata ai ragazzi. Ma come fare quando non si ha nemmeno un pc?. Richard Appiah Akoto è un giovane maestro che insegna in una scuola rurale ghanese e ha fatto il giro del mondo dopo essere stato fotografato a disegnare in dettaglio un documento Word sulla lavagna.

Un modo per far prendere familiarità con uno strumento base ma fondamentale per i futuri lavoratori che potrebbe altrimenti precludere molte strade. Il professore spera che un giorno, quando si troveranno davanti un vero computer, questi ragazzi siano in grado di riconoscere le varie icone e avere già un’idea di come utilizzare programmi come Word.

E la buona notizia è che grazie alla viralità del post condiviso su Facebook, molte persone si sono offerte di fare donazioni o regalare i computer che permetterebbero agli studenti di esercitarsi. Sono arrivati in breve laptop e computer per aiutare la classe di Richard da donatori qualunque e persino dalla stessa Microsoft.

Putroppo il lavoro degli insegnanti, così importante per il futuro delle società che abitiamo, viene spesso sottovalutato. Molti vivono il proprio mestiere con passione, e non mancano di trovare idee per lasciare un’impronta positiva nelle vite dei loro studenti, spesso provvedendo di tasca e di impegno propri. Ci verrebbe da dire però che una classe non basta, chissà quante scuole sono in difficoltà con i materiali o con i servizi più basilari. La scuola dovrebbe essere protetta come bisogno primario in tutto il mondo. Speriamo che episodi come questo aiutino l’utopia a realizzarsi.

Rubriche

Fra cattedra e finestra

di Sabina Minuto

Ora di Alternativa

di Valerio Camporesi

Maschile singolare

di Ivan Sciapeconi

Tracce di scuola intenzionale

di Sonia Coluccelli

Sentieri tra i banchi

di Fabio Leocata

Virgolette

di Paola Zannoner

Luoghi Interculturali

di Mariangela Giusti

La Facile Felicità

di Renato Palma

Torna su