rio_20th_century_fox04 spix

Gli ultimi due esemplari di pappagalli Ara Spix sono… digitali

in Zigzag in rete di
L’estinzione di Ara Spix ha fatto notizia più per essere “il pappagallo blu di Rio” (il film d’animazione) che non per la sua effettiva definitiva scomparsa.

Tra le notizie relative all’ambiente più diffuse dell’ultimo periodo, ha fatto un certo effetto l’estinzione in natura del bellissimo pappagallo blu Ara Spix. Dato per finito già nel 2000, provvisoriamente “risorto” in un discusso avvistamento nel 2016, si tratta di una delle otto specie di uccelli per cui è stata accertata la definitiva scomparsa dal 2000 ad oggi. Quali sono le ragioni di questa moria? “Le nostre analisi – sostiene Stuart Butchart di BirdLife International – mostrano che l’estinzione continua. Storicamente il 90% delle estinzioni avveniva su isole remote, ma oggi i dati dimostrano che c’è un’ondata crescente in tutti i continenti a causa della perdita di habitat dovuta ad agricoltura, drenaggio del terreno e disboscamento non sostenibile”.

Ara di Spix, dichiarato estinto in natura da BirdLife International nel 2018 (credits Al Wabra Wildlife International
Ara di Spix, dichiarato estinto in natura da BirdLife International nel 2018. Credits Al Wabra Wildlife International

A prescindere dal fatto che la notizia comporti di per sé un’occasione per riflettere sulla fragilità e sulle sorti degli ecosistemi ambientali del pianeta, appare decisamente curioso il fatto che l’estinzione di Ara Spix abbia fatto notizia più per essere “il pappagallo blu di Rio” che non per la sua effettiva dipartita. Blu e Gioiel sono infatti gli ultimi due simpatici esemplari di Ara Spix rimasti, con la particolarità che sono animati in 3D e nel 2011 hanno conquistato il botteghino di tutto il mondo, ispirando la storia di Rio.

Realizzato da Blue Sky Studios (esatto, proprio quelli dell’Era Glaciale), con il suo vortice di colori sgargianti, Rio punta fortissimo sull’iconografia di un Brasile meravigliosamente sospeso tra le sue straordinarie risorse, la povertà senza via d’uscita delle favelas e i fenomeni di bracconaggio in cui i due simpatici protagonisti si ritrovano ben presto coinvolti. Il rapporto tra l’uomo e la natura finisce dunque, nella metaforica vicenda che vede al solito opposti i buoni ed i cattivi di turno, dota di forti connotati etici una sceneggiatura in grado di combinare in modo brillante il divertimento puro e quegli spunti educativi che ne rendono la visione adatta sia ai bambini che al pubblico più maturo.

rio-2 Ara Spix
Rio 2 Missione Amazzonia credits 20th Century Fox, 2014

L’immagine rende alla perfezione le differenze tra Blu, cresciuto in cattività e totalmente imbranato in natura, e Gioiel, bellezza pura nativa della foresta brasiliana. Dalla loro diversità è nata una passione capace di divertire milioni di spettatori in tutto il mondo.

Tra le curiosità sul progetto, al doppiaggio del film hanno collaborato varie star di Hollywood, oltre al leggendario musicista brasiliano Sergio Mendes, autore di “Real in Rio”, canzone originale che si è assicurata una meritata nomination agli Oscar. Il successo del primo film ha ispirato la produzione di Rio 2: Missione Amazzonia, uscito nel 2014.

Grazie a Rio, il ricordo dei bellissimi Ara Spix continuerà a vivere nella memoria delle generazioni future, nella speranza di rivedere Blu volare libero nei cieli dell’Amazzonia. Se nella realtà la partita sembrerebbero averla vinta i cattivi, il cinema di animazione in 3D, grazie alla sua straordinaria capacità di generare emozioni, si assume ancora una volta la responsabilità artistica di ispirare un futuro migliore. In cui è lecito non smettere mai di sognare.

RIO – trailer in italiano
RIO 2: Missione Amazzonia – trailer in italiano

Tags:

Rubriche

Giochi senza frontiere didattiche

di Giovanni Lumini

Ora di Alternativa

di Valerio Camporesi

Fra cattedra e finestra

di Sabina Minuto

Maschile singolare

di Ivan Sciapeconi

Tracce di scuola intenzionale

di Sonia Coluccelli

Sentieri tra i banchi

di Fabio Leocata

Virgolette

di Paola Zannoner

Luoghi Interculturali

di Mariangela Giusti

La Facile Felicità

di Renato Palma

Torna su