Bambina felice Montessori

Le migliori 10 frasi di Maria Montessori sull’educazione dei bambini

in Approcci educativi di
Un decalogo di Maria Montessori che trasmette un messaggio semplice ma potente: i bambini devono sviluppare i loro talenti liberamente e gli educatori devono risvegliare il loro interesse

Il metodo Montessori abbraccia tematiche come l’educazione ecologica, alla pace e all’amore per la vita (vedi l’articolo di Occhiovolante sul barattolo della calma). Le sue frasi aiutano a comprendere ancora meglio il metodo educativo da lei ideato dove i bambini hanno la possibilità di scegliere.

1 – “Il più grande segno di successo per un insegnante… è poter dire: i bambini stanno lavorando come se io non esistessi”

L’autonomia è al centro del metodo Montessori. Quando i bambini sono in grado di svolgere i propri compiti senza bisogno di assistenza allora l’obbiettivo dell’insegnante è raggiunto.

2 – “Una prova della correttezza del nostro agire educativo è la felicità del bambino”

L’educazione alla felicità è spesso sottovalutata. Ma il metodo Montessori considera invece la felicità come un sintomo del buon agire educativo degli adulti che si occupano del bambino.

3 – “La prima premessa per lo sviluppo del bambino è la concentrazione. Il bambino che si concentra è immensamente felice”

Un’attività molto importante da questo punto di vista è il gioco. Si tratta di un’attività che aiuta spesso a sviluppare numerose e varie abilità tra cui la concentrazione, fondamentale nella scuola, nel lavoro e nella vita.

4 – “Il lavoro manuale con un fine pratico aiuta ad acquisire una disciplina interiore”

Il valore del lavoro manuale è rafforzato, fin da piccoli i bambini dovrebbero essere coinvolti nelle attività della famiglia in modo da responsabilizzarsi e acquisire un maggiore equilibrio interiore.

5 – “Spesso, tra bambini e genitori, si invertono le parti. I bambini, che sono degli osservatori finissimi, hanno pietà dei loro genitori e li assecondano per procurare loro una gioia”

Non si pensa mai al bambino come capace di certe azioni tipiche dell’adulto, e invece a volte i bambini riescono a superare i genitori nella comprensione dell’altro e finiscono per assecondarli pur di renderli felici.

Bambino Spiaggia Curiosità

6 – “Per aiutare un bambino, dobbiamo fornirgli un ambiente che gli consenta di svilupparsi liberamente”

Il metodo Montessori sottolinea l’importanza di un ambiente stimolante e ricco per il completo sviluppo psicofisico. Un ambiente di questo tipo permette di sperimentare in autonomia. Per questo genitori e educatori dovrebbero fare attenzione all’ambiente in cui passano il proprio tempo i bambini.

7 – “È necessario che l’insegnante guidi il bambino, senza lasciargli sentire troppo la sua presenza, così che possa sempre essere pronto a fornire l’aiuto desiderato, ma senza mai essere l’ostacolo tra il bambino e la sua esperienza”

La libertà è una pietra miliare del metodo, è importante non essere opprimenti con la propria presenza, cercando sempre di essere attenti all’attività del bambino ma senza troppo interferire nelle sue attività.

8 –  “Mai aiutare un bambino mentre sta svolgendo un compito nel quale sente di poter avere successo”

Se non richiesto esplicitamente non bisognerebbe mai fornire aiuto a un bambino. L’autonomia nel raggiungimento del successo è una tappa importante nella crescita e va rispettata.

9 – “Se v’è per l’umanità una speranza di salvezza e di aiuto, questo aiuto non potrà venire che dal bambino, perché in lui si costruisce l’uomo”

L’importanza di educare i bambini per renderli adulti autonomi e responsabili e perché è in loro che va riposta la speranza per il futuro.

10 – “Aiutiamoli a fare da soli” 

La sintesi massima del pensiero di Montessori, il bambino deve imparare a diventare autonomo e conquistare l’indipendenza che gli permetterà di diventare un adulto responsabile e maturo.

 

Fonte:

http://psicoadvisor.com/10-frasi-celebri-maria-montessori-sulleducazione-dei-bambini-5361.html

Rubriche

Fra cattedra e finestra

di Sabina Minuto

Ora di Alternativa

di Valerio Camporesi

Sentieri tra i banchi

di Fabio Leocata

Maschile singolare

di Ivan Sciapeconi

Tracce di scuola intenzionale

di Sonia Coluccelli

Virgolette

di Paola Zannoner

Luoghi Interculturali

di Mariangela Giusti

La Facile Felicità

di Renato Palma

Torna su