City farm, il ritorno alla terra

in Zigzag in rete di
Piccoli appezzamenti nel cuore delle città, le city farm sono spazi educativi per riavvicinare i bambini alla natura

Un’idea già ampiamente esplorata sin dagli anni sessanta nei paesi anglossassoni e nel Nord Europa, nelle city farm non si ha come obbiettivo la produzione, ma l’aspetto sociale, culturale ed educativo. I bambini, ma anche giovani e adulti possono in questo modo riavvicinarsi alla terra e praticare attività come l’orticoltura e l’allevamento per acquisire una maggiore consapevolezza delle risorse naturali che consumiamo e la nostra dipendenza col mondo naturale.

Le dimensioni non sono sempre le stesse, esistono fattorie che ospitano diversi lavoratori dipendenti, oppure piccoli appezzamenti utilizzati dagli abitanti del quartiere. Questi spazi sono gestiti e lavorati da volontari che operano per creare, o meglio ristabilire, il legame fra la vita urbana e quella rurale.

Lungi dal diventare un apologia della natura perfetta, questi esperimenti sociali aiutano a migliorare la consapevolezza, specialmente nei più piccoli, della dipendenza spesso sottovalutata della città dalla campagna.

giardino città orto city farm

L’idea nasce infatti dal desiderio di accedere a spazi verdi proprio nel cuore del tessuto urbano e costruire delle comunità basate sul lavoro della terra. Proprio per questo rappresentano un’opportunità a livello formativo ed educativo per i bambini.

Questo ambiente permette uno sviluppo di capacità manuali e relazionali grazie al contatto con gli animali. Inoltre favorisce la creatività perché i bambini sperimentano in un ambiente che permette loro di muoversi liberamente e vivono la natura con lo spirito della scoperta e in maniera autonoma. Inoltre la cura degli animali aumenta il loro senso di responsabilità e cooperazione con gli altri.

La city farm allora può diventare un luogo in cui si possono costruire dei percorsi educativi in cui si vive un’esperienza autentica e potente di riflessione sulle interconnessioni della vita urbana e rurale, tra umani e altri animali e si acquisisce una maggiore consapevolezza di sé e del mondo.

Link:

www.cityfarms.org

www.bdja.org

http://www.bambinienatura.it/2017/02/19/la-city-farm-tutta-unaltra-fattoria/

Rubriche

Fra cattedra e finestra

di Sabina Minuto

Ora di Alternativa

di Valerio Camporesi

Maschile singolare

di Ivan Sciapeconi

Tracce di scuola intenzionale

di Sonia Coluccelli

Sentieri tra i banchi

di Fabio Leocata

Virgolette

di Paola Zannoner

Luoghi Interculturali

di Mariangela Giusti

La Facile Felicità

di Renato Palma

Torna su